La trasemina del prato: quando farla

La trasemina è un’operazione molto importante per rinfoltire il prato quando incomincia a diradarsi.

Cosa significa traseminare ? Vuol dire distribuire e spargere il seme nelle zone prive d’erba.

Questo si può fare manualmente, carrelli spargi-seme, traseminatrici a dischi, come quelle che abbiamo a disposizione a noleggio. Questa operazione è semplicemente una risemina si svolge su prati già esistenti.

Quando traseminare un prato ?

Prima di traseminare è importante assicurarsi che ci sia una temperatura del suolo adeguata alla nascita e crescita dell’erba. Deve essere almeno sopra i 10 gradi Celsius.

Il periodo primaverile è quello più indicato per traseminare. Anche inizio Autunno è un buon momento per traseminare. Durante questa stagione piogge e umidità favoriscono la crescita dell’erba mentre quella di infestanti è rallentata.

Se sei manutentore per una società di calcio probabilmente compierai la trasemina a fine campionato, per essere pronto durante la stagione successiva.

 

Come si trasemina un tappeto erboso ?

 

Prima di iniziare bisogna capire perché l’erba si dirada. È per colpa dell’eccessivo calpestio o perché non abbiamo scelto la giusta varietà ? Una volta scoperte le motivazioni si può procedere.

Si inizia compiendo compiendo un verticut incidendo il suolo con una profondità massima di 1 cm. Per non essere invasivi si può procedere con un arieggiatore a molle e compiere più passaggi.

In seguito lo tosiamo leggermente, cercando di abbassare leggermente il taglio. Per farlo possiamo utilizzare una tosaerba con raccolta in modo da recuperare i residui della scarifica.

Traseminatrici a dischi:

Se si usa una traseminatrice a dischi si può anche non effettuare il verticut e compiere un arieggiatura superficiale. In questo caso, infatti, sarà proprio il disco ad andare a incidere il terreno e il seme verrà posto proprio nel solco.

Questo tipo di macchinari si utilizzano su terreni di varie tipologie come campi da calcio, da golf, campeggi. Sono studiate per incidere terreni fortemente compatti e intervenire in quelle situazioni in cui “non ci si può fermare”. Per esempio su campi da calcio che praticamente sono sempre calpestati tutto l’anno con poche settimane di tregua

Quali semi utilizzare ?

Questo cambia molto a seconda del tipo di prato di cui stiamo parlando. Su campi da calcio è importante utilizzare semi con un elevata tolleranza al calpestio. Devono essere in grado di recuperare velocemente dopo ogni partita.

Di solito è molto diffuso traseminare il lolium perenne. Questo varia di molto a seconda della zona geografica e climatica

Dopo la risemina del prato

Per favorire la germinazione dei semi bisogna irrigare subito dopo la semina dopo aver rullato la superficie. Una volta che l’erba ha raggiunto un altezza di circa 10 cm si procede con il taglio. Questo solo se i semi hanno attecchito. Lo si può notare tirando i ciuffi d’erba: se si strappano tutto bene, se si alza la zolla bisogna aspettare. Il taglio dovrà essere piuttosto alto e poco invasivo.

Una volta traseminata la superficie è importante mantenerla concimata con concimi azotati a lenta cessione.